Home

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

Capitolo 11

Capitolo 12

Capitolo 13

Capitolo 14

Capitolo 15

Capitolo 16

Capitolo 17

Capitolo 18



STORIA E GLORIA DELLO STUPEFACENTE UOMO RAGNO
OVVERO LE INVEROSIMILI PERIPEZIE DI UN ARRAMPICAMURI DI QUARTIERE
Di Giuseppe Guidi
CAPITOLO QUINTO: I TANTI VOLTI DEL MALE

IL PUNITORE E L'UOMO LUPO

Il buco apertosi per la contemporanea scomparsa di Gwen e Goblin viene prontamente colmato dal positivo inserimento di due figure complesse e contrastanti che non mancheranno di turbare il già precario equilibrio psicologico del nostro sconsolato Arrampicamuri.
La prima è il Punitore, alias Frank Castle, ex berretto verde nella guerra del Vietnam; un uomo che è stato muto testimone del massacro della sua famiglia a opera di una banda criminale. Sprofondato nel baratro della follia e della disperazione, Frank si scopre improvvisamente Punitore. Punitore delle associazioni mafiose, dei trafficanti di droga e di tutti coloro che calpestano i più elementari valori civili e sociali. Ma anche Punitore di se stesso, ponendo la sua vita in costante pericolo e rinunciando a qualsiasi forma di relazione privata.
La seconda è John Jameson (già noto per aver incarnato un estemporaneo supereroe), figlio del burbero editore del Daily Bugle. Ex astronauta, durante una missione segreta sulla Luna raccoglie una strana pietra che ha la facoltà di trasformarlo nel sanguinario Uomo Lupo. In queste vesti, John combatte in più occasioni contro l'Arrampicamuri, liberandosi definitivamente del suo pericoloso alter ego grazie al provvidenziale aiuto del dottor Curtis Connors, dopo aver peraltro vissuto una lunga serie di avventure "a solo" sia sulla Terra che in una dimensione aliena. Duramente provato nei nervi da queste vicende, John è a lungo ricoverato in una clinica, dalla quale esce per presenziare (come testimone di nozze) al matrimonio del padre con la dottoressa Marla Madison.

LA SAGA DEI GOBLIN

Intanto, Harry Osborn paga dazio alla tremenda tempesta psicologica di cui è vittima dopo la morte del padre, decidendo di ricalcarne le orme. Nasce così il secondo Goblin, folletto fragile e insicuro, destinato apparentemente a una carriera criminale assai breve. Le conseguenze delle sue azioni, più che a costituire una minaccia per Peter, portano alla distruzione dell'appartamento dell'Upper East Side che i due ex amici condividevano ormai da tempo. Ciò spinge Spidey a cercarsi un altro luogo dove abitare, e la scelta, dettata anche da motivi economici, ricade su un modesto monolocale nel quartiere di Chelsea, grazie anche all'aiuto di Liz Allen, gradito cavallo di ritorno nei comprimari dell'Uomo Ragno. Infatti, l'ex svampita del liceo Midtown, dopo essere sparita per alcuni anni, ricompare in strada, stanca e impaurita, davanti agli occhi di un incredulo Peter. La causa della sua lunga assenza viene alfine svelata: Liz è in realtà la sorellastra di Mark Raxton, alias Molten, l'uomo di metallo fuso, nemico storico dell'Uomo Ragno. Per stare vicino al fratello malato, Liz diventa infermiera, ma le sue cure affettuose non bastano a risollevare lo stato psicofisico del suo amato paziente. Mark, sempre più ossessionato dal suo deterioramento corporeo fugge e getta Liz nella disperazione. Il conforto e il sostegno dei vecchi amici riescono tuttavia a ritemprarla. Peter, Betty, Flash, Mary Jane e, soprattutto, Harry (guarito grazie a cure psichiatriche), le fanno presto ritrovare il morale. Dopo essere più volte sfuggita alla furia omicida del fratello, Liz trova in Harry l'anima gemella e acconsente a sposarlo.
Il ritorno alla normalità di Harry lascia spazio al terzo Goblin. Infatti, del suo segreto fa ora cattivo uso il suo psichiatra di fiducia, Barton Hamilton. Uomo subdolo e ambizioso, Hamilton scopre, una volta indossato il costume di Goblin, il seducente fascino del potere unito a un pericoloso senso di superiorità. Ma è un folletto sbiadito e limitato; manca di carisma e spessore. Il suo scontro con Spidey è impari ed estemporaneo. Può sembrare paradossale, ma l'unica nota positiva della vicenda è proprio la grottesca morte dello psichiatra, sciatto e insulso perfino nell'estremo saluto.

5- continua...


Acquista L’UOMO RAGNO nel nostro Shop Online


Vai...

PANINI COMICS SITES

Paninicomics.it
Paninicomics.com
Panini.it
Paninigroup.com