Home

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

Capitolo 11

Capitolo 12

Capitolo 13

Capitolo 14

Capitolo 15

Capitolo 16

Capitolo 17

Capitolo 18



Il ritorno del clone
Dalla morte di Harry Osborn all’avvento di Ben Reilly 1993-1995
Di Giuseppe Guidi

Uomo o Ragno?

Per Spider-Man l'ultimo decennio del secondo millennio è contrassegnato da una sequela di fatti negativi e da uno stato d'animo assai afflitto. Forse l'unico episodio positivo degno di nota è la gravidanza di Mary Jane, tanto gioiosa all'inizio quanto dolorosa alla fine. La lunga sequenza delle sciagure inizia con la morte di Nathan Lubensky, compagno di zia May, per mano dell'Avvoltoio. Prosegue con l'avvento di Carnage, creatura spietata e letale nata dalla fusione della progenie del simbionte alieno di Venom con il serial killer Cletus Kasady. Carnage darà vita al megaevento Maximum Carnage, che coinvolgerà tutte le testate di Spidey, vale a dire The Amazing Spider-Man, The Spectacular SM, Web of Spider-Man, Spider-Man e Spider-Man Unlimited, quest’ultima lanciata per l’occasione. La maxisaga altro non è che un bagno di sangue imposto a New York per mano di Carnage e del suo seguito infernale. Le forze del bene, capeggiate dall’Uomo Ragno e da Venom, riescono alla fine a prevalere, ma lo scossone emotivo subito dalla città e dai protagonisti di questa macabra vicenda è forte e non sarà privo di conseguenze. Un'altra grande fonte di dolore per l'Arrampicamuri è la morte di Harry Osborn, vittima degli effetti collaterali della formula della superforza di Goblin, ideata originariamente da suo padre Norman e da Mendel Stromm. Il capitolo finale di questa allucinante storia avviene su The Spectacular Spider-Man 200 (05/1993), a firma di J.M. DeMatteis & Sal Buscema, dove assistiamo all’ennesimo attentato alla vita di Peter da parte di un Harry/Goblin ormai trasfigurato e fuori di sé. Un ultimo barlume di coscienza gli impedisce però di uccidere l’amico di un tempo. Infine morirà serenamente tra le braccia di uno Spidey straziato dal dolore. A sconvolgere ulteriormente l'equilibrio psicologico di Peter è il finto ritorno dei suoi genitori, Richard e Mary Parker, ex agenti della CIA uccisi dal terzo Teschio Rosso durante una missione in Algeria. I due affermano di essere stati prigionieri oltrecortina per tutto il periodo della Guerra Fredda. In realtà si tratta di costrutti robotici creati dal Camaleonte sotto la supervisione di Harry Osborn (letale anche dall’oltretomba). L’escalation negativa non si ferma certo qui. Zia May si ammala gravemente e ha poche speranze di sopravvivere. La sua situazione richiama un personaggio creduto morto da anni che segnerà una tappa drammatica nella vita del nostro eroe: Ben Reilly, il clone di Peter creato anni prima dallo Sciacallo. Insieme a Ben Reilly (il nome di zio Ben e il cognome di zia May…) torna in scena anche lo Sciacallo, alias Miles Warren, ex professore universitario di Peter, che si rivelerà lui stesso un clone. Con un perverso gioco fatto di menzogne e mezze verità, Warren instilla nella testa dei due Peter il dubbio su chi possa essere l’originale. L'Uomo Ragno, fortemente provato da questa serie di eventi nefasti, si rinchiude in se stesso rinunciando alla propria umanità e liberando la sua latente natura di aracnide, con buona pace della moglie Mary Jane. Nel frattempo muore zia May, lasciando un vuoto incolmabile nel cuore di Peter. Ben Reilly, dal canto suo, è smanioso di fare del bene e di mettersi in luce. Con l'appellativo di Ragno Rosso debutta nel mondo dei supereroi con alterne fortune. Ma il suo momento di gloria arriverà quando prenderà il posto di Peter nei panni dell'Uomo Ragno. Mr. Parker è infatti troppo preso dalla gravidanza di Mary Jane, incinta di una bambina, per fare il supereroe… Sul fronte delle testate ragnesche, da segnalare l’esordio di Venom (02/1993), Untold Tales of Spider-Man (09/1995, retrospettiva inedita degli anni liceali del Tessiragnatele, di Kurt Busiek & Pat Olliffe) e Spider-Man Team-Up (12/1995). Sempre legate al mondo di Spidey, vanno alle stampe la miniserie sulla seconda Donna Ragno, alias Julia Carpenter, e la serie regolare Goblin, con la nuova incarnazione del folletto verde, stavolta schierato dalla parte del bene. Il protagonista è Philip Urich, giornalista in erba nonché nipote del celebre reporter del Daily Bugle Ben Urich. Nel corso di un’indagine per conto dello zio, il ragazzo scopre un vecchio nascondiglio di Goblin. Dopo un bagno involontario in una vasca di prodotti chimici, Phil si trasforma nel nuovo Goblin, uno dei supereroi più divertenti e strampalati dell’Universo Marvel.

Marvel graphic novel

Nell’anno 1982 la Marvel dà inizio alla pubblicazione di un nuovo veicolo visivo, inaugurato quattro anni prima dalla Berkley Books: la graphic novel. Vale a dire un albo brossurato (o cartonato) di grosso formato, stampato su carta patinata, in genere inedito e destinato a un pubblico maturo. In queste tavole, le doti e le prestazioni dei singoli autori vengono esaltate ed enfatizzate, anche perché gli artisti sono liberi dall’assillo delle scadenze editoriali. La serie terminerà nel 1993 con 75 volumi all’attivo. Fra le tante degne di nota ricordiamo La morte di Capitan Marvel di Jim Starlin, in cui il grande eroe spaziale muore di cancro, e X-Men: Dio ama, l’uomo uccide di Chris Claremont e Brent Eric Anderson, dove i giovani mutanti vivono una struggente avventura combattendo l’odio e il pregiudizio. Quattro le graphic novel dedicate all’Arrampicamuri: Hooky (1986, di Susan K. Putney & Berni Wrightson), Parallel Lives (1989, di Gerry Conway & Alex Saviuk), Spirits of the Earth (1991, di Charles Vess, ambientata in Scozia) e Fear Itself (1992, di Gerry Conway & Ross Andru).

Spider-Man 2099

Sul finire del 1992 la Marvel decide di creare un universo futuristico chiamato Marvel 2099. L’idea è quella di reinterpretare in chiave futuristica i personaggi classici, non disdegnando l’inserimento di nuovi eroi. Character di punta dell'Universo Marvel del futuro è l'Uomo Ragno 2099, alias Miguel O'Hara, brillante biochimico al servizio dell’Alchemax, colosso industriale operante nel settore dell'ingegneria genetica. In seguito a un test fallito su una cavia umana, Miguel decide di abbandonare il lavoro, ma le sue dimissioni vengono mal digerite dal suo superiore che, per tutta risposta, lo rende dipendente da una droga prodotta unicamente dalla stessa Alchemax, il rapture. Per ripristinare la propria struttura genetica modificata dalla droga, Miguel si sottopone a un esperimento riparatore, ma a causa del sabotaggio da parte di un invidioso collega si trasforma in una bizzarra creatura… nota come Uomo Ragno. Il suo aspetto fisico è sconcertante – canini aguzzi, artigli sulle dita delle mani e dei piedi, ragnatela che esce dalle braccia – e la sua forza sovrumana, ma gli intenti dell’Uomo Ragno 2099 sono buoni. Combatterà l'immoralità e il cinismo dilaganti in un mondo cyberpunk alla Blade Runner governato dall'informatica, dalle realtà virtuali, dalle grandi corporazioni e da un opprimente stato di polizia. La serie Spider-Man 2099, curata da Peter David e Rick Leonardi, terminerà dopo quarantasei numeri nell’agosto 1996.

13- continua...



Acquista L’UOMO RAGNO nel nostro Shop Online


Vai...

PANINI COMICS SITES

Paninicomics.it
Paninicomics.com
Panini.it
Paninigroup.com