Home

Capitolo 1

Capitolo 2

Capitolo 3

Capitolo 4

Capitolo 5

Capitolo 6

Capitolo 7

Capitolo 8

Capitolo 9

Capitolo 10

Capitolo 11

Capitolo 12

Capitolo 13

Capitolo 14

Capitolo 15

Capitolo 16

Capitolo 17

Capitolo 18



IL NUOVO CORSO DI SPIDER-MAN
Il post Gwen Stacy e la volontà di ricominciare 1975-1977
Di Giuseppe Guidi

Al di là del bene e del male

Dopo la morte violenta di Gwen, la fidanzata di Peter Parker uccisa da Goblin, e quella dello stesso Goblin, trafitto dal suo aliante durante la battaglia finale con l’Uomo Ragno, il mondo del Tessiragnatele è scosso dalle fondamenta. La scomparsa delle due figure cardine dell’universo ragnesco chiude un ciclo e spinge il nostro eroe verso nuovi orizzonti. Il vuoto lasciato dai due personaggi viene presto colmato da figure complesse che non mancheranno di turbare il già precario equilibrio psicologico dello sconsolato Arrampicamuri: il Punitore, alias Frank Castle, e John Jameson, figlio del burbero editore del Daily Bugle. Ex berretto verde nella guerra del Vietnam, Castle è stato muto testimone del massacro della propria famiglia da parte di una banda criminale. Sprofondato nel baratro della disperazione, Frank si scopre improvvisamente… Punitore. Punitore delle associazioni mafiose, dei trafficanti di droga e di tutti coloro che calpestano i più elementari valori civili e sociali. Ma anche Punitore di se stesso, ponendo la sua vita in costante pericolo e rinunciando a qualsiasi relazione privata. Quanto a John Jameson, già noto per aver incarnato un estemporaneo supereroe, è un ex astronauta che, durante una missione segreta sulla Luna, raccoglie una strana pietra. Questa lo trasforma nel sanguinario Uomo Lupo. Nel frattempo Harry Osborn, miglior amico di Peter e figlio di Norman (Goblin), cade vittima di una follia distruttiva e decide di ricalcare le orme paterne. Nasce così il secondo Goblin, folletto fragile e insicuro, destinato a una carriera criminale assai breve. Le conseguenze delle sue azioni, più che costituire una minaccia per Peter, portano alla distruzione dell'appartamento dell'Upper East Side di Manhattan che i due amici condividevano da tempo. Ciò spinge Spidey a cercarsi un altro luogo dove abitare, e la scelta, dettata anche da motivi economici, ricade su un modesto monolocale nel quartiere di Chelsea. Nel novero delle new entry criminali fa poi il suo esordio lo Sciacallo, alias Miles Warren, il professore universitario di Peter e Gwen, esperto di biogenetica e artefice di una delle più grosse atrocità scientifiche mai realizzate, che avrà ripercussioni devastanti sulla vita del Tessiragnatele. Warren, da sempre infatuato della bella miss Stacy, non riesce a darsi pace per la sua morte, giurando di vendicarsi dell'Uomo Ragno. Grazie al suo genio scientifico e contando sull'ausilio di un oscuro personaggio dietro le quinte, crea una perfetta copia genetica della ragazza, un clone. Quindi clona anche Peter, dopo averne scoperto l’identità segreta, dando vita a un secondo Uomo Ragno. In un drammatico confronto finale, lo Sciacallo muore insieme al clone di Peter, mentre la nuova Gwen scompare, pronta per una nuova vita. Sul fronte rosa, annotiamo le nozze tra la segretaria di Jameson, Betty Brant, e il giornalista Ned Leeds dopo un lungo fidanzamento. All'indomani del matrimonio, la coppia si trasferisce a Parigi, dove Ned affronterà un periodo di intenso lavoro in veste di inviato.

Ross Andru, il nuovo volto dell’Uomo Ragno

Dopo “l’esecuzione” di Gwen John Romita abbandona il team creativo di The Amazing Spider-Man (seppur concedendosi negli anni a venire qualche gradita comparsata) per diventare art director della Marvel e occuparsi della supervisione artistica dell’intero parco testate della casa editrice. Il suo posto, al fianco dello scrittore Gerry Conway, viene preso da Ross Andru. Nato a Cleveland il 15 giugno 1927, Andru è noto soprattutto per la sua lunga collaborazione con l’inchiostratore Mike Esposito. Il suo primo lavoro in campo fumettistico risale al 1948, con la striscia giornaliera di Tarzan. Negli anni Cinquanta e Sessanta lavora prevalentemente per la DC Comics, realizzando serie di guerra e supereroistiche quali Our Army at War e The Flash. Il suo più grande exploit è il ciclo su Wonder Woman, durato nove anni (dal 1958 al 1967), realizzato con lo scrittore Robert Kanigher. Nei primi anni Settanta passa in pianta stabile alla Marvel, inizialmente per brevi apparizioni su varie testate (Marvel Team-Up, Doc Savage, Shanna the She-Devil, Fantastic Four) e diventando quindi il disegnatore regolare di The Amazing Spider-Man (dal n. 125 dell’ottobre 1973), la testata Marvel di maggior successo con oltre 270.000 copie vendute ogni mese. Nel 1974 battezza la nuova serie ragnesca Giant Size Spider-Man, durata il breve spazio di sei numeri, e nel 1976 disegna Superman Vs. Spider-Man, il primo grande crossover tra Marvel e DC, firmato insieme a Gerry Conway e all’inchiostratore DC Dick Giordano. Su Amazing l’artista di Cleveland svolge un ottimo lavoro, curando gli sfondi e i dettagli, in particolare i tetti di New York, luoghi di frequentazione abituali dell’Arrampicamuri. A inchiostrare le matite si alternano Frank Giacoia, Mike Esposito e David Hunt. La sua gestione del personaggio si chiude con Amazing 185 dell’ottobre 1978, dopo aver collaborato con gli scrittori Len Wein e Marv Wolfman. Tornando all’Uomo Ragno, da segnalare l’esordio di una nuova testata regolare, Peter Parker: The Spectacular Spider-Man (dicembre 1976), creata con l’intento di approfondire la vita privata di Peter e inizialmente curata da Bill Manto e Sal Buscema.

LE RAGNO STRIPS

Nel gennaio 1977 John Romita si lanciò in un’impresa esaltante: la striscia sindacata di Spider-Man, realizzata insieme a Stan Lee, il cocreatore del personaggio. Già nei primi anni Settanta Lee fu contattato da alcune agenzie per la creazione di una strip sull’Uomo Ragno e nel 1972 i due autori realizzarono due settimane di daily strips e il soggetto per un anno di storie. Consegnarono quindi il lavoro a Chip Goodman, all’epoca direttore responsabile della Marvel. Chip, figlio del celebre Martin, avrebbe dovuto curare la vendita del materiale, ma se ne disinteressò poiché, pare, invidioso del successo di Lee. Il 3 gennaio 1977 dunque il progetto partì e ottenne un successo inaspettato. Romita produsse il suo massimo sforzo in questo periodo, dedicando ben tre giorni della settimana alle strips. La sua estrema pignoleria lo spinse presto a ricorrere all’aiuto di alcuni amici inchiostratori per poter rispettare le rigide scadenze editoriali e in suo soccorso giunsero Frank Giacoia, Mike Esposito e John Verpoorten. La dedizione di John portò i suoi frutti e sempre più quotidiani pubblicavano la striscia dell’Arrampicamuri (toccando quasi quota cinquecento). Una storia delle strips, Votate Kingpin, che suggeriva l’adozione di un braccialetto elettronico per monitorare a distanza i detenuti agli arresti domiciliari, ispirò il modello attualmente usato dalle forze dell’ordine di molti paesi del mondo. Un dispositivo introdotto anche in Italia dal gennaio 2001.

7- continua...



Acquista L’UOMO RAGNO nel nostro Shop Online


Vai...

PANINI COMICS SITES

Paninicomics.it
Paninicomics.com
Panini.it
Paninigroup.com